Giardini di Bretagna

Giardini di Bretagna   14 – 18 luglio 2012

Un esclusivo percorso alla scoperta di suggestive bellezze verdi nel nord della Francia, tra paesaggi solitari, preziosi manieri e antichi castelli.

Itinerario di visita realizzato grazie al contributo della Association des Parcs et Jardins de Bretagne.

 

14 sabato

Nella mattinata volo da Milano a Rennes con scalo a Lione. All’arrivo, trasferimento a Tredarzec per visitare i giardini di Kerdalo, realizzati tra il 1965 e il 1970 da Peter Wolkonsky. Il parco fa parte di una vallata di 16 ettari che si allarga dinnanzi al maniero, componendo uno strutturato giardino che presenta, sul lato posteriore, delle terrazze mediterranee. È un mondo chiuso, segreto, al contempo naturale e forgiato all’incrocio tra un universo botanico (9000 specie e varietà) e un universo romantico. Forse per questo, nel 2005, Kerdalo è stato classificato tra i “jardin remarquable”. Trasferimento nella vicina località di Penvenan per visitare il Jardin du Pellinec. A questo giardino è stato recentemente assegnato il premio “Bonpland” dalla Società Nazionale di orticoltura; si compone di diverse aree tematiche, create in base alle peculiarità geografiche, come il giardino esotico ed il giardino inglese, particolarmente attente al livello estetico oltre che ai contenuti espressi in termini botanici.

Nel tardo pomeriggio si raggiunge Lannion, all’imbocco della valle del Léguer che qui si getta nella Manica con un profondo estuario: sistemazione presso l’hotel Ibis Cote de Granit Rose non lontano dal caratteristico centro storico della cittadina.

15 domenica

Trasferimento a Roscoff e visita della piccola cittadina e al suo celebre Giardino Esotico, una tra le più grandi collezioni di piante subtropicali e di cactus coltivati all’aria aperta, attorno alla scogliera di Roch-Hievec, un’incredibile varietà di specie botaniche originarie dell’emisfero australe o provenienti dalle Isole Canarie: collezioni di protea, eucalyptus, kniphofia in mezzo alle aiuole di composite sudafricane dalle abbondanti e straordinarie fioriture.

Dopo la pausa per il pranzo libero, una breve traversata conduce all’Isola di Batz dove si visita il Giardino Georges Delaselle, un affascinante angolo di esotismo al largo della costa del Finistère. Un tuffo all’indietro in uno splendido giardino dei primi del ‘900: non meno di 2000 specie provenienti da ogni parte del globo si offrono alla vista in questa lussureggiante oasi di verde. Il giardino, creato nel 1897 da Georges Delaselle, è stato appassionatamente modellato nel corso di 40 anni; dopo 30 anni di abbandono, questo giardino di delizie è oggi restituito in tutto il suo splendore grazie a un gruppo di volontari.

Tornati sulla terraferma si raggiunge Lannion in serata per la cena in albergo.

16 lunedì

Partenza per Hevic e visita all’Arboretum de Keracual. Con oltre 2800 specie, vanta collezioni botaniche provenienti dai cinque continenti. Il tutto è arricchito ogni anno con 60 nuove introduzioni da parte del proprietario. L’arboreto è uno dei più importanti luoghi con collezioni private di tutta la Bretagna. L’itinerario prosegue fino a Lanrivain per incontrare Le Grand Launay, ove una serie di aree indipendenti ma collegate tra loro, si susseguono intorno ad una villa contadina costruita tra il XVII e il XVIII secolo. Il giardino si è gradualmente formato intorno al maniero circondato da un suggestivo paesaggio boscoso. La giornata propone infine una tappa a Mur De Bretagne con il Jardin Les du Botrain. Trecento varietà di rose, aceri, sottobosco di piante di brughiera, specchi d’acqua: “…quello che mi piace sono le atmosfere, gli ambienti e i colori. Non si tratta di fare collezioni, ma di creare un’armonia nel giardino, di fare in modo che qui ci si senta bene” dice Marie Defaysse, la proprietaria. Dal 1994, anno della loro ristrutturazione, i giardini di Botrain, che circondano un maniero del XVIII secolo, si sono giustamente guadagnati la fama che oggi li contraddistingue grazie alla paziente opera del giardiniere paedaggista Michel Gesret.

Il circuito della giornata termina a Dinan, cittadina d’impronta medievale che ancora oggi conserva un nucleo storico circondato da oltre due chilometri di mura scandite da 14 torri di difesa: sistemazione presso il confortevole hotel Le Connetable.

 

17 martedì

Partenza per Henon e il suo Parc du Colombier, dove le porte del giardino si aprono su profumati roseti, mentre sullo sfondo si scorge la gloriette, l’antico chiosco medievale. Procedendo si incontra il prato fiorito con il suo frutteto, l’Albero di Maggio e la fontana, simbolo dei leggendari fiumi del Paradiso che sottolineano l’importanza dell’acqua indispensabile fonte di vita.

Si prosegue in direzione Pleurtuit per visitare il Domain du Montmarin, costruzione elegante in stile Luigi XV edificata nel 1760 e dotata di tetti a carena di nave rovesciata. Vi si accede tramite un cortile d’onore, al centro del quale si trova una bellissima vasca in marmo di Carrara risalente al XVIII secolo.

Ultima tappa a Ploubalay e al giardino privato Le Ravaillas, splendido esempio di parco risalente al diciottesimo secolo che mette oggi in risalto una ricca varietà di specie botaniche all’interno di una mirabile cornice romantica.

 

18 mercoledì

Sosta mattutina a Bazouges la Pèrouse per visitare i Jardins du Château de La Ballue. Il castello in stile elegante ed armonioso del XVII secolo offre una splendida vista sulle colline, su cui si apre un primo giardino geometrico; questa terrazza, con le sue aiuole a triangoli ornate di tassi e ligustri, si fonde perfettamente con le ondulazioni del terreno coltivato all’orizzonte, ricordando in questo le ville toscane del Rinascimento italiano.

Prima del trasferimento in aeroporto l’ultima visita è al Parc du Château de Caradeuc, soprannominato la Versailles bretone, sulle colline boscose di Bécherel. Alla fine del XIX secolo, l’architetto paesaggista Edouard Andre ne disegnò il progetto realizzando un parco di 40 ettari circostante la casa del procuratore generale Louis Rene Caradeuc di Chalotais.

Contatti:
Riccardo Carini – Addetto stampa Linnea Tours
+393398842148

r.carini@linneatours.it

www.linneatours.it